Excite

YouTube widescreen non piace a tutti

Da qualche giorno YouTube ha introdotto la visualizzazione widescreen e in alta definizione dei video, facendo la gioia di qualcuno e deludendo invece altri.

Lo scopo, avevano fatto sapere dalla piattaforma, è di accontentare le tante richieste pervenute nel corso degli anni e soprattutto di accogliere a piene mani la rivoluzione in corso, che prevede il passaggio totale al widescreen e al formato 16:9 in tempi rapidi.

Peccato però che di scontenti ce ne siano molti: i più si lamentano del fatto, e non a torto, che la maggior parte dei filmati realizzati è ancora nel vecchio formato 4:3 per cui i video, nella visualizzazione in 16:9, ad oggi presentano due bande nere ai lati.

Chiaramente si tratta di un problema da non sottovalutare ma che diventa di poco conto se ci mettiamo nella prospettiva di YouTube: la chiusura di importanti accordi con alcune delle più importanti case produttrici e distributrici del mondo (come Mgm, per esempio) apre altri scenari per il famoso sito di video sharing, permettendogli di trasmettere contenuti di diverso tipo e adatti ad un pubblico diverso.

Dunque l'adozione del 16:9 e del widescreen sembra proprio rispondere all'esigenza di YouTube di sganciarsi dalla logica che lo vuole solo e soltanto come sito consumer e di proporsi invece come raccoglitore di contenuti di qualità e come anticipatore delle nuove tendenze.

Se a ciò aggiungiamo il fatto che in 16:9 e widescreen i video vengono visualizzati meglio sulle piattaforme mobili (iPhone Apple in testa), ci si rende conto che la mossa di YouTube è tutt'alto che azzardata ma sicuramente spregiudicata e tiene conto di un mercato reale e non fittizio.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016