Excite

La morte di Yara Gambirasio su Facebook

E' stata uccisa con 6 coltellate la giovanissima Yara Gambirasio ritrovata nelle scorse ore: su Internet arrivano le prime reazioni.

Tutto su Yara Gambirasio

La notizia della morte di Yara ha scosso il mondo del Web da dove per altro cominciò una gara di solidarietà su Facebook ad esempio con il gruppo per trovare Yara.

Sono molti quelli che hanno pianto la morte della 13 enne, è nata spontaneamente la voglia di pubblicare sul profilo una candela per Yara e di accenderla mentre c'è anche chi ha messo a confronto Sarah Scazzi con Yara.

Frasi come 'addio piccolo angelo', 'riposa in pace', 'povera Yara' si leggono in diversi profili, status e pagine dedicate alla giovane. Dall'altra parte invece è esplosa la rabbia con dichiarazioni dure nei confronti dei responsabili dell'omicidio: 'pena di morte a chi uccide gli angeli', 'Gli infami pagheranno tutto prima poi'.

E se la stupidità non ha mai fine non stupiscono i commenti ironici. E' il caso di diversi gruppi su Facebook poi chiusi che fanno della ferocia e del bieco umorismo sulla morte di Yara. Ad esempio 'Yara e Sara due bimbe minchia in meno', battute come 'Le hanno già dedicato una canzone: dormi sepolta in un campo di grano…' oppure il gruppo 'Yara Zombie – Anche i morti ballano'.

Quest'ultimo aveva una terribile descrizione: 'Prossimamente nelle migliori sale cinematografiche la triste vicenda di Yara, la campionessa IndeFESSA. La sua promettente carriera non ha fine, nonostante abbia accettato le famose caramelle da uno sconosciuto. Preparatevi ad un suo imminente ritorno, nella rivisitazione del famoso pezzo di un altro morto eccellente. Vedremo Yara interpretare la parte che fu di MJ nel video che lo rese celebre: Thriller. Con la partecipazione straordinaria di Barbara D’Urso'.

Le motivazioni che hanno spinto all'apertura di un gruppo del genere erano contenute in un messaggio: 'Bene, se siamo giunti fino a questo punto è perché l’obiettivo degli amministratori del gruppo stato raggiunto. E cioè dimostrare la totale ipocrisia degli iscritti allo stesso, che riescono a piangere solo su direttiva di mamma televisione. E solo per i casi più eclatanti, vedi Taricone, Scazzi, etc.. Ma per i migliaia di morti in Libia, per i bambini che ogni giorno muoiono di fame o vengono maltrattati, gli operai che muoiono quotidianamente sul lavoro per portare a casa la pagnotta, nessun pensiero. Come se scrivere un pensiero o condividere un link buonista possa bastare a farvi guadagnare un posto in paradiso. Come al solito, ora ci sono molte persone indignate per sto gruppo, ma non indignate per la speculazione mediatica che ne fanno Barbara D’Urso e company. Ma, come accaduto per Sarah Scazzi, tra una settimana avrete già dimenticato tutto. E farete così morire Yara una seconda volta. I miei complimenti, il “bene” trionfa sempre.'

La Polizia Postale ha provveduto a chiudere diversi gruppi in seguito alle segnalazioni ricevute da diversi utenti. Il TG3 ha mostrato in televisione alcuni status degli utenti di Facebook segnalando i messaggi di cordoglio e dolore ma anche di vendetta e pessimo gusto.

Tra l'altro la povera Yara, il giorno dopo del ritrovamento, si è ritrovata a subire l'articolo di Federico Moccia che su Libero fantastica sui suoi probabili amori.

Tra i messaggi degni di nota invece la più commovente è certamente la preghiera per Yara.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016