Excite

Wikileaks dei grandi evasori: banca dati con 2 milioni e mezzo di carte segrete

  • Getty Images

A dare il via alle rivelazioni ci ha pensato Le Monde, sulla scia del caso aperto su Jacques Augier, tesoriere della campagna elettorale 2012 con cui Hollande ha sconfitto Sarkozy alle presidenziali, con conti offshore attraverso la sua holding Eurane. Sarebbe lui il primo dei grandi evasori che ben 38 testate di tutto il mondo sono pronte a rivelare sotto il coordinamento dell'Icij (International Consortium of Investigative Journalists).

Una mole enorme di dati informatici pronti a essere rivelati attraverso questa nuova Wikileaks. Si parla di due milioni e mezzo di carte segrete su società offshore, e in Italia l'operazione è stata affidata a L'Espresso, che nel numero in edicola domani svelerà i nomi di 200 italiani presenti in questa banca dati di società offshore e paradisi fiscali.

Al momento ne sono state svelate soltanto alcune: il Commonwealth Trust Limited, delle Isole Vergini britanniche, e Portcullis Trustnet, con base a Singapore e operativa alle isole Cayman, Cook e Samoa.

Sul numero de L'Espresso, invece, compariranno Gaetano Terrin, commercialista dello studio Tremonti, Fabio Ghioni, hacker dello scandalo Telecom, i commercialisti milanesi Oreste e Carlo Severgnini.

All'estero se ne occuperanno anche il Guardian, la Sueddeutsche Zeitung, Bbc, Washington Post, lo svizzero Sonntagszeitung: tutte hanno potuto avere accesso per prime a oltre 260 gigabyte di dati informatici, dunque che vanno ben oltre quello che Wikileaks aveva pubblicato nel 2010.

Nel frattempo Julian Assange, fondatore del vero Wikileaks e rifugiato politico all’ambasciata dell'Ecuador a Londra, ha deciso di candidarsi al senato australiano per le elezioni 2013, affidando la campagna elettorale del Wikileaks party a Greg Barms che ha gestito nel 1996 la campagna referendaria del movimento repubblicano in Australia.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017