Excite

Una trashata al giorno, Mauro Repetto solista

'Zucchero Filato nero' è del 1995. Primo e unico album della carriera da solista dell'ex 883 Mauro Repetto. All'epoca fu un flop, 23mila copie vendute, oggi avrebbe ottenuto il disco d'argento (15mila copie) e non sarebbe andato lontano da quello d'oro (35mila). Ma cos'è lo 'zucchero filato nero'? In una intervista Repetto spiegò come il titolo si riferisse al pelo pubico femminile. Chiusa l'avventura con Max Pezzali, Repetto si trasferì per qualche tempo in Usa, a New York, in cerca di fortuna, amore, gloria e di una nuova carriera da regista. Peccato che per il giovane Mauro la Grande Mela risultò bacata e ricca di sedicenti impresari che non solo non lo aiutarono a realizzare il sogno, ma pensarono pure a sottrargli un bel po' di soldini. Molti dei brani contenuti nell'album parlano proprio di quella tragicomica avventura al termine della quale il povero Repetto non potè che tornare in Europa. Sulla sua vita post musicale è nata una vasta antologia. C'è chi lo voleva protagonista a Parigi, Eurodisney, nei panni di orso Baloo e Pippo. Circostanza smentita qualche anno fa dall'ex cantante: 'Vivo a Parigi dove organizzo spettacoli. Ho una moglie, Josephine, e due bambini'. Questa che vi proponiamo è 'Voglia di cosce e di sigarette'. Un inno alla sfiga. 'Le nostre mani vuote di corpi, le nostre menti piene di voglie', recita una strofa. 'Il mondo della musica non mi manca' tenne a precisare Repetto. Probabile che invertendo l'ordine dei soggetti il risultato non cambi.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016