Excite

Troppa tecnologia fa male alle relazioni

Come ogni cosa, anche della tecnologia non bisogna abusare. Le dosi giornaliere da assumere devono essere limitate per evitare un overdose o per non cadere nell'assuefazione. Cellulare, internet e televisione sono i mezzi di comunicazioni con cui entriamo in contatto tre volte di più rispetto agli anni Sessanta, mentre visitiamo circa 40 siti web al giorno.

Tutto questo ha un costo, riduce le relazioni sociali vis a vis e la capacità di allenare il nostro cervello. Adam Gazzaley, direttore del Centro immagini per la neuroscienza presso l'Università della California ha dichiarato al New York Times: 'Stiamo esponendo i nostri cervelli a nuovi ambienti e chiedendo loro di fare cose per le quali non sono necessariamente evoluti. Sappiamo che ci sono delle conseguenze'.

Secondo varie ricerche non siamo più in grado di stabilire cosa è importante, cosa vale la pena ricordare, soprattutto se abbiamo il web come risorsa infinita di memoria, dove inserire le nostre foto e i nostri pensieri, tutto può riemergere anche se non è così importanete.

Un team di ricercatori della Stanford University, inoltre, ha sfatato il mito dell'uomo multitasking, infatti se il cervello di chi sa usare un computer è più abile a trovare informazioni e quello di chi gioca ai videogame sviluppa una migliore capacità visiva, quello del multitasker ha invece più difficoltà a concentrarsi, non riesce a distinguere le informazioni irrilevanti da quelle rivelanti.

Gli scienziati precisano: 'La parte più spaventosa è che non ci si riesce a sbarazzare delle proprie tendenze multitasking neppure quando non si fa multitasking. Siamo a un punto di flesso: le esperienze di una significativa frazione di gente sono sempre più frammentate'. Bisogna quindi darci dei limiti tecnolgici e uscire di più all'aria aperta.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016