Excite

Ti odio, su Facebook lo sfogo è condiviso

Da Trenitalia a Hallo Kitty, da Barbara D’Urso a error 404, passando per il lunedì e l’allergia ai pollini arrivando al caso Scajola, sono tanti gli argomenti da odiare e Facebook li condivide. È nato da poco il gruppo ‘Viodio’ che consente di condividere le cose e i pensieri che vorremmo eliminare dalla nostra quotidianità.

Un fenomeno che in pochi giorni ha conquistato circa 90 mila adepti alla cui base c’è uno sfondo nero con in basso la scritta in bianco 'vi odio' o 'ti odio' e ogni utente può aggiungere tutto quello che desidera e che mal sopporta. Al momento appaiono 111 riquadri e il creatore Gabriele Coletti, 24enne di Treviso e studente di design allo Iuav di Venezia, parla di un successo inaspettato.

L’idea è nata dopo i disagi ai treni dovuti alla neve, racconta che dopo sette ore di viaggio, tornato a casa, si è seduto al pc e ha creato la prima delle ormai celebri scritte: 'Trenitalia ti odio'. Gabriele ha dichiarato: 'VIODIO è un progetto nato da un bisogno di una valvola di sfogo per tutte le rabbie represse che ci troviamo ad affrontare ogni giorno. Intende dare la possibilità di gridare quello che vi sta sulle balle, che vi fa incazzare. Non è uno strumento per l'istigazione all'odio, ma è piuttosto un processo catartico per riportare un po' più di pace in voi stessi'.

Nessuna incitazione alla violenza ma una catarsi digitale dove ognuno può sfogarsi e tornare alla sua quotidianità. Una sorta di ‘sfogatoio’ dove si può misurare il malessere del popolo del web.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016