Telefonare con internet, lo speciale (1a parte)

Skype e non solo: sono sempre più diffusi siti e programmi che permettono di entrare in contatto telefonico con persone di tutto il mondo. La tecnologia sfruttata si chiama VoIP, e rende possibile telefonate gratis o a prezzi irrisori.

Per scoprire meglio il mondo del VoIP, capire come funziona, conoscerne i vantaggi e le applicazioni migliori, e scoprire come nel futuro questa tecnologia sarà sempre più utilizzata con modalità innovative, vi proponiamo uno speciale in due parti, che chiarirà le idee anche a chi non conosce nulla del VoIP.

Per far ciò, intervistiamo Pietro Saccomani, autore di Voipblog.it. Studente laureando in Economia e Direzione Aziendale all'Università di Padova, da più di un anno scrive sul suo blog, dedicato al VoIP, ai servizi evoluti per cellulari e ad altre applicazioni innovative basate sulla Rete. Lo ringraziamo per la sua disponibilità, e lasciamo spazio all'intervista.


Cosa significa VoIP? Quando parliamo di telefonare via internet e VoIP intendiamo la stessa cosa?

VoIP è un acronimo per Voice over Internet Protocol, è una tecnologia che consente di trasmettere una telefonata su reti dati (locali o Internet) invece che sulle tradizionali reti telefoniche. Se parliamo di telefonia via Internet, ci riferiamo alla trasmissione di telefonate sulla rete Internet (la stessa del Web, per intenderci), mentre se parliamo di VoIP possiamo riferirci anche ad un uso su reti locali.

La voce di chi chiama viene digitalizzata e trasformata in pacchetti di dati che possono essere trasmessi agevolmente su reti dati, allo stesso modo in cui inviamo una email.

Quali tipi di servizi VoIP esistono e come si differenziano?

Possiamo distinguere essenzialmente due tipi di VoIP: il primo è accessibile attraverso software come Skype, Live Messenger, Yahoo Messenger, Google Talk o Gizmo Project, che permettono di telefonare da PC a PC con cuffie e microfono, scambiare messaggi testuali ed in alcuni casi effettuare videochiamate con l'ausilio di una webcam. Alcuni di questi software offrono anche un servizio per chiamare i telefoni fissi o mobili di tutto il mondo a tariffe convenienti.

Il secondo tipo di VoIP è del tutto simile dal punto di vista tecnologico (la VoIP è sempre un'applicazione sulla rete), ma risponde generalmente ad un bisogno diverso e permette un'esperienza di utilizzo più vicina alla telefonia classica: mira a sostituire il tradizionale servizio di telefonia offerto da operatori come Telecom e permette di utilizzare telefoni tradizionali con adattatori o particolari modem forniti dall'operatore.

Con entrambi i tipi di VoIP le chiamate tra utenti dello stesso servizio sono sempre gratuite: la chiamata viaggia solo sulla rete Internet e l'operatore VoIP non sostiene alcun costo.

A questi due principali tipi di VoIP si stanno affiancando applicazioni da utilizzare attraverso cellulari e smartphones e servizi che permettono di telefonare a tariffe scontate con un normale telefono, attivando la telefonata da un sito web, con una modalità chiamata call-back (Jajah, MyBlueZeebra).

Hai accennato a Skype che è il programma più famoso del settore. Ci racconti in breve la storia di questo software e i numeri attuali?

Skype è Nata in Lussemburgo nel 2003 da un'idea di Niklas Zennström e Janus Friis, ideatori di KaZaA, uno dei software di file sharing PeerToPeer più noti. Skype usa lo stesso motore P2P di KaZaA, che consente di trasmettere telefonate tra milioni di utenti senza pesare sulle strutture di Skype: si sfrutta solo la connessione degli utenti. Skype è cresciuta molto velocemente, ha ormai superato 170 milioni di utenti registrati e nel settembre 2005 è stata acquisita da eBay per 4,1 miliardi dollari. Il software è ormai giunto alla versione 3.0, offre telefonate gratuite da PC a PC, videochiamate, conferenza e altre funzioni come conversazioni di gruppo ed un servizio simile alle classiche pagine gialle, ma con contenuti generati dagli utenti.

Chi sono i rivali diretti di Skype?

I concorrenti di Skype sono i più popolari software di instant messaging (Microsoft Live Messenger, Yahoo Messenger e Google Talk), che ora integrano funzioni VoIP, a questi si aggiungono software VoIP come Gizmo Project e Wengophone. Questi ultimi, a differenza di Skype, utilizzano un protocollo standard e aperto che consente di chiamare e ricevere chiamate anche da utenti di altri servizi.

E' necessario però che questi produttori si adoperino per interconnettere i propri servizi, cosa che avviene ormai sempre più spesso (ad esempio, gli utenti GizmoProject possono ora chiamare gratuitamente utenti MSN, Yahoo e GoogleTalk).

Web 2.0 e VoIP: esistono applicazioni interessanti che uniscono questi due mondi?

Alcune imprese stanno rendendo possibile un'interazione efficace tra Web e telefonia: Jajah, un operatore che permette di telefonare a costi molto bassi con un normale telefono, attivando la chiamata dal Web, ha appena annunciato un servizio che consente di inserire in un sito/blog/myspace particolari pulsanti in grado di gestire in modo intelligente le chiamate in entrata avviate da chi clicca su quei pulsanti per mettersi in contatto con noi. Jaxtr ha annunciato da pochi giorni un servizio molto simile.

Sipphone, la società che sviluppa GizmoProject, ha recentemente reso disponibile GizmoCall, un sito che permette di telefonare via VoIP senza bisogno di scaricare programmi come Skype: basta un browser e la tecnologia Flash, la stessa su cui si basa Youtube.

Chiudiamo qui la prima parte del nostro speciale. Appuntamento a lunedì per scoprire pro e contro del VoIP, i prezzi, la situazione italiana e le prospettive future, con l'integrazione di questa tecnologia nei cellulari.

Clicca qui per aggiungere VoIPblog.it ad Excite MIX

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2014