Excite

Sul Web avanza il diavolo: il monito della Chiesa

Si direbbe che per alcuni del clero il diavolo veste i social network, quasi sul Web ci fossero tanti DevilBook dove si diffonde il male.

E' il monito lanciato dalla Chiesa italiana e diffuso da diversi giornali come Repubblica e Corriere in una torrida Domenica di Luglio, quasi fosse una notizia da ombrellone.

In sostanza sul web si starebbe diffondendo ilsatanismo fai da te secondo quanto sostengono gli esorcisti. Tra tutti don Gabriele Nanni che dichiara: 'Con l'avvento di Internet e soprattutto dei social network, il fenomeno è diventato di piazza e ormai il diavolo viene evocato anche attraverso il web. C'è un'alta percentuale di chiamate che arrivano in vicariato a Roma in cui si chiede l'intervento dell'esorcista'.

I più a rischio sarebbero, neanche e a dirlo, i giovanissimi frequentatori del Web tanto che sono nati corsi per sconfiggere il demonio anche attraverso Internet. Ci sono Paesi in cui il fenomeno è più ampio e altri meno.

C'è addirittura chi come la diocesi di Frascati ha stilato un vademecum per difendersi da Satana con una raccolta di preghiere da recitare in casi di minore influsso del demonio. Il diavolo opera con l'inganno, l'illusione, mentendo e lo fa sui social network e sui siti web.

La notizia è stata commentata da molti blogger con ironia non che donne con i gatti o uomini in t-shirt possano non destare sospetti. Cosa si potrebbe dire di alcuni sacerdoti come il cardinale Ravisi che usano Twitter pubblicando salmi in latino?

Eppure la Chiesa nella figura di papa Benedetto XVI si era avvicinata alla Rete: evidentemente è un processo ancora lungo e pieno di ostacoli e pregiudizi.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016