Excite

Su Facebook La città di Asterix contro la tratta dei minori

La tratta dei minori si combatte anche online, soprattutto se si cerca di coinvolgere la folta community di Facebook che risponde sempre in maniera propositiva agli appelli, facendo la fortuna di tanti gruppi.

E' il caso di La città di Asterix, un gruppo nato su Facebook per sostenere quattro minori arrivati in Italia dall'Afghanistan, come molti loro coetanei, per cercare fortuna ma che invece sono vittime dei loro stessi "salvatori".

Una pratica che in gergo tecnico si chiama smuggling e che consiste nel pagare una determinata somma a dei trafficanti che in maniera illegale fanno entrare i ragazzi in un Paese lontano dall'Afghanistan dove saranno sfruttati nelle più svariate maniere, che sia per rubare o per prostituzione o per altro ancora.

La storia di questi quattro ragazzini, rappresentativa di un fenomeno in crescita, è stata la molla che ha fatto scattare la giornalista Carlotta Mismetti Capua che è entrata in contatto con Akmed e gli altri tre ragazzini sul bus 175 che circola nel centro di Roma.

La Mismetti Capua ha deciso di raccontare questa storia su Facebook e ha così aperto il gruppo La città di Asterix per dare protezione ai ragazzini e fare in modo che le autorità non li rimandino nel loro Paese natio dove per il solo fatto di essere tornati indietro, e a mani vuote, subirebbero torture e umiliazioni.

Per ora il gruppo La città di Asterix raccoglie circa 200 iscritti ma la tendenza è all'aumento continuo nella speranza che, almeno per una volta, ci si iscriva ad un gruppo non solo per divertimento ma anche e soprattutto per aiutare qualcuno davvero in difficoltà.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016