Excite

Statue di Falcone e Borsellino danneggiate, su Facebook gruppo a favore

In occasione dell'anniversario della strage di via D'Amelio a Palermo erano state installate due statue in gesso dedicate ai giudici Falcone e Borsellino: statue distrutte a meno di 24 ore dalla loro installazione e per le quali è nato anche un gruppo su Facebook.

Guarda le foto delle statue di Falcone e Borsellino distrutte

Il gruppo rivendica l'azione sostenendo, con i suoi fondatori Gioseppe Altasquola e Marina Casagrandi, di aver distrutto le due squadre per migliorarle così come si legge nella descrizione presente sulla pagina di Facebook: 'il presunto vandalo accusato di aver distrutto le statue in gesso raffiguranti Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, non è altro che un artista sopraffino che ha cercato di migliorare delle opere altrimenti di dubbio valore artistico. E’ chiaro infatti, che costui abbia cercato di riprodurre, con eccellente risultato, i corpi dei giudici palermitani dopo gli attentati. Come tutti noi vogliamo ricordarli'.

Lo scopo, secondo i fondatori della pagina, era rendere giustizia ai due martiri che sarebbero dovuti essere ritratti nelle loro condizioni reali dopo la strage e non ricordati come erano da vivi e dunque l'atto di vandalismo è diventato parte integrante della loro riabilitazione.

Le statue, dopo essere state danneggiate, sono state già ricollocate nella loro posizione originaria in via Libertà a Palermo ma sono sorvegliate a vista da carabinieri e polizia per evitare che si ripetano altri gesti simili da parte di altri geni incompresi dell'arte.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016