Excite

Snapchat, foto rubate invadono il web: la colpa non è del social ma di app esterne

Questa volta non sono quelli hot dei vip, ma, comunque, sono tanti scatti personali che, in questi giorni, hanno invaso il web: il furto delle foto di SnapChat è solo l'ultimo degli eventi che ci fanno riflettere su quanto la nostra privacy non sia al sicuro e su come sia bene tutelarsi quando si utilizzano diversi programmi e applicazioni. Ma che cos'è successo? E perché l'app ha appena dichiarato di non avere nessuna colpa in merito?

Facebook, Choose Expiration: in fase di test i post in stile Snapchat

Questo che è appena terminato è stato davvero un week end infuocato per SnapChat: nella giornata di sabato, infatti, ben 13 GB di immagini che i suoi utenti si sarebbero scambiati via messaggio, circa 200 mila fotografie, sono state rese pubbliche. Proprio come per è accaduto con The Fappening, iCloud e le foto della Lawrence e delle altre star di Hollywood, anche in questo caso abbiamo assistito a un'enorme fuoriuscita di dati. In tanti hanno incolpato la sicurezza del social ma, solo in queste ultime ore, arriva la verità: SnapChat si è totalmente dichiarato estraneoa quello che è successo e ha dato la colpa ai suoi utenti che utilizzano applicazioni terze, tipo Snapkeep o SnapSaved per salvare alcune foto che ricevono e che, altrimenti, andrebbero perse.

Foto hot star rubate: Kim Kardashian e Jennifer Lawrence nude sul web

Si tratta di app non sempre sicure, deboli e con poche protezioni dai pirati informatici di cui, più volte, il social ha chiesto la rimozione da iTunes e Google Play ma che, comunque, continuano a essere utilizzate da molti. "Possiamo confermare che i server di Snapchat non sono mai stati violati e non sono la fonte di questi dati trafugati", ecco cosa dichiara l'app, aggiungendo che sono proprio alcune app terze parti, quelle che utilizzano un sistema cloud (innocenti, quindi, Snapsave e simili che, invece, non raccolgono i dati in nessun servizio del genere) per salvare i dati a essere stati colpiti dall'attacco.

SnapChat è noto ai più per essere un social network, un'app in cui i vari membri possono scambiarsi messaggi, sopratutto foto, che poi si andranno a cancellare in breve tempo: inutile dire che sono molti gli scatti privati, sopratutto quelli dei più giovani (il 60% della community è composto da ragazzi minorenni), a essere al centro del furto di dati subito negli ultimi giorni.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017