Excite

Second Life, apre l'Ambasciata di Svezia

Grande cerimonia ieri a Stoccolma per l'inaugurazione dell'Ambasciata Svedese nella sua versione virtuale, quella in Second Life. L'evento si è tenuto contemporaneamente nella "prima" e "seconda" vita (vai alla nostra visita guidata, con fotogallery).

Il taglio del nastro è stato fatto, su Second Life, dall'alter-ego di Carl Bildt, Ministro degli Affari Esteri. Era il Bildt in carne ed ossa, nella sala in cui è stata presentata l'iniziativa, ad usare il suo notebook ed impersonare il suo avatar nello storico momento. "La Svezia è un paese fatto di innovazione e curiosità nei confronti del futuro - ha spiegato il Ministro - e la nostra presenza su Second Life è solo un inizio per noi. Dieci anni fa non avremmo potuto immaginare nulla di simile".

Il ruolo dell'ambasciata virtuale è spiegato da Olle Wästberg, direttore dello Swedish Institute e responsabile del progetto: "I social media, come Second Life, offrono nuove opportunità per il dialogo, la diffusione di informazioni". La Svezia è la seconda nazione, dopo le Maldive, ad aprire una "seconda" rappresentanza ufficiale dello Stato.

Imponente il lavoro di progettazione e realizzazione dell'ambasciata virtuale. La "Second House", annunciata a gennaio e in costruzione da marzo, è la replica esatta dell'ambasciata svedese a Washington, negli Stati Uniti. All'interno ci sono mostre fotografiche e numerose informazioni sulla nazione. Gli avatar visitatori, dopo essersi iscritti su questa pagina, possono contare sulla disponibilità degli assistenti dell'ambasciata, pronti a soddisfare ogni curiosità.

All'inaugurazione non è mancato nemmeno il momento musicale, hanno infatti suonato la Second Life Art Ensemble (gruppo virtuale) e Therese Åhs (cantautrice reale). Quale sarà la prossima sperimentazione della Svezia? Risponde il Ministro Bildt: "Dove la tecnologia ci porterà tra 5-10 anni, ancora non possiamo saperlo".

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016