Excite

Come scegliere un adattatore RS232 a USB

Come sicuramente sappiamo, un computer è un dispositivo altamente personalizzabile: in esso possono essere collegate svariate periferiche come mouse, stampanti, lettori DVD, masterizzatori, fotocamere, tastiere, hard disk e tanto altro ancora. Il computer ha delle specifiche porte, che permettono la comunicazione con l'ambiente esterno e, dunque, di comunicare con le periferiche. Le porte più conosciute e utilizzate sono le USB, Universal Serial Bus, ed un buon numero di esse si possono trovare già presenti nel computer. Quasi tutti i nuovi apparecchi hi-tech sono provvisti di un connettore USB, proprio perché non esiste un computer moderno che non abbiamo almeno una di queste porte.

Le porte USB hanno ad esempio sostituito i vecchi connettori RS232, delle interfacce seriali in grado di far comunicare tra loro dispositivi elettronici (come stampanti e masterizzatori) a bassa velocità. Oggigiorno questa interfaccia è utilizzata davvero di rado (è una tecnologia risalente in pratica agli albori dell'informatica), soppiantata dalle porte seriali e da quelle USB.

È comunque ancora possibile utilizzare quei dispositivi, aventi come interfaccia solo una RS232, grazie a dei particolari adattatori RS232 a USB. Questi cavi si collegano al dispositivo tramite i connettori RS232 e al computer in una classica porta USB. Le velocità di trasferimento rimangono ugualmente molto basse. In commercio questi adattatori si possono trovare ad un prezzo che varia dai 5 ai 10 euro. In particolare esistono due tipi di adattatori: quelli cablati, avente un cavo lungo alcune decine di centimetri, e quelli ad inserimento diretto, che trasformano direttamente la porta RS232 in USB.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016