Excite

Guida ai processori per Socket AM2 di AMD

La californiana AMD (Advanced Micro Devices), si contende da anni il mercato dei microprocessori con la connazionale Intel. La gara per prevalere si svolge a suon di tecnologie avanzatissime, le quali non solo devono essere più performanti e meno costose di quelle dell'avversario, ma devono anche precederlo come tempi di immissione nel mercato. Da ciò ne consegue il "mal di testa" degli assemblatori, che devono star dietro alle ultime tendenze in fatto di CPU e, soprattutto, tenere conto che alcune schede madri sono progettate per alloggiare soltanto alcune famiglie di processori. Queste ultime si riconoscono dal tipo di Socket, cioè l'alloggiamento sul quale possono essere installate. In casa AMD, dalla fine del 2006, è stato introdotto il Socket AM2 con il suo stuolo di processori al seguito.

Il Socket AM2

Il Socket AM2 di AMD è un successore dei formati noti come "939" e "940", numeri che identificavano il numero di pin presenti sull'alloggiamento. I processori per questo tipo di Socket sono stati venduti in milioni di pezzi in tutto il mondo, anche perché con la loro introduzione AMD ha fatto una precisa scelta strategica, quella di proporre un unico Socket per tutti i suoi processori, quelli destinati ai privati e quelli per le aziende. Se a questo si unisce l'economicità dei prodotti AMD rispetto a quelli del concorrente Intel, si capisce subito come, a molti anni di distanza, le schede madri ed i processori per Socket AM2 siano ancora ricercatissimi. Tutto questo nonostante di recente (2009), AMD abbia poi abbandonato questo formato sostituendolo con il nuovo Socket AM3. Curiosamente, però, le CPU per AM3 possono essere in molti casi montate anche sulle schede madri di tipo AM2 ed AM2+ (a volte è necessario un aggiornamento del BIOS, che il produttore della mother board può aver rilasciato sul suo sito web).

CPU Sempron e Athlon 64 bit

Il grande successo dei processori AM2, come detto, è dovuto in gran parte alla enorme popolarità e diffusione delle due grandi famiglie di CPU, tutte Dual Core, prodotte da AMD a partire dal 2006: Athlon e Sempron. Le CPU Sempron per Socket AM2 (dalla 2800+ alla 3800+), sono di tipo economico e per questo diffusissime, nonostante prestazioni di tutto riguardo. Alla stregua dei conti, le CPU Sempron, con la cache di secondo livello a 128 o 256 Kilobytes, altro non erano che una versione meno potente delle CPU di categoria superiore. Queste ultime, le CPU della famiglia Athlon 64 (dalla 3800+, alla 6400+, oltre ai modelli FX60 e FX62), nonostante un prezzo più alto, hanno rappresentato una piccola, grande rivoluzione nel mondo dei microprocessori, essendo state le prime con il supporto a 64 bit, pur essendo destinate ad un mercato prevalentemente casalingo. I processori AMD Athlon 64 hanno poi conosciuto una larga diffusione nel mondo dei portatili, soprattutto per via della tecnologia "Cool'n'Quiet" integrata; quest'ultima, simile allo "Stop & Go" delle moderne autovetture, abbassa la potenza del processore quando sta eseguendo pochi calcoli, riducendo così il dispendio energetico che nei notebook è fondamentale.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017