Excite

Passo falso del PD per la campagna elettorale delle europee 2009

Entra nel vivo la campagne elettorale per le prossime elezioni europee di giugno ed anche online è iniziata la gara tra i vari partiti politici a colpi di banner e sponsorizzazioni varie.

Nelle ultime ore si è verificato un episodio piuttosto singolare: dopo una ricerca sul motore di ricerca di Google inserendo i nomi dei candidati del PDL, ad esempio Lara Comi o Ignazio La Russa, come primo risultato sponsorizzato appariva un link che porta al sito nazionale del Partito Democratico, sulla pagina dei candidati alle europee del Partito guidato da Franceshini. Il PD, quindi, ha pagato per far apparire come link sponsorizzato il sito ufficiale del partito ogni volta che qualcuno avesse fatto una ricerca sui candidati della coalizioni avversaria.

Il primo a notare questa stranezza è stato il Deputato del PDL Antonio Palmieri e la sua segnalazione del fatto su Facebook ha subito fatto il giro del Web: Andrea Spedale mostra gli screenshot delle ricerche incriminate mentre The Merketer scrive un'analisi sulla cattiva gestione delle campagne pubblicitarie sui motori di ricerca.

La notizia deve essere arrivata velocemente anche nelle sede del Partito Democrarico che nel giro di poche ore ha provveduto a bloccare le campagne pubblicitarie su Google, ed eliminare il link al sito istituzionale sui risultati delle ricerche che interessano i nomi dei candidati PDL.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016