Excite

E' in arrivo un bastimento carico di nomi dominio

Dobbiamo prepararci ad una vera e propria rivoluzione su Internet?

Dal 2008 l'ICANN ha avviato un processo per aggiungere nuovi nomi dominio di primo livello (gLTD) con una esplosione di estensioni che faranno concorrenza allo strausato .com.

Tra i nuovi suffissi ci saranno parole come .love, .sport, .god oppure trademark ossia marchi di aziende. Queste novità potranno portare confusione e molti grattacapi con contestazioni tra aziende e organizzazioni che verranno risolte con un'asta tra le parti ed una commissione che giudicherà con alcuni criteri (ad esempio non potranno esserci estensioni simili a quelle già esistenti).

In tal senso si fa avanti una proposta del Dipartimento del Commercio USA che suggerisce all'ICANN di esprimere un diritto di veto sulla presentazione da parte di un Paese per l'istituzione di un nuovo dominio per qualsiasi motivo anche se c'è un parere legale a favore.

Potrebbe quindi trattarsi di una vera e propria censura e di una gestione dei nomi dominio a favore dell'ICANN, degli USA e di qualsiasi organizzazione e lobby voglia aprire un dominio. ICANN incassa una percentuale per ogni dominio registrato di cui i più cari (milioni di dollari) potrebbero essere i .science.

Un altro balzello nel presentare una candidatura per un nuovo dominio sarà la cifra d'entrata: 185 mila dollari per proporre la documentazione. Allo stato attuale i domini internet sono oltre 200 milioni: nel 2008 erano 177 milioni, sono diventati 192 milioni nel 2009 e sono arrivati a quota 196,3 milioni nel secondo trimestre 2010. Tra i Top Level Domain (TLD) più gettonati il .com e il .net che hanno totalizzato 101,5 milioni di registrazioni (+7,9% in un solo anno).

Si muovono anche Google e Microsoft: le due aziende hanno registrato di recente i domini nigeriani .ng, rispettivamente googli.ng e bi.ng.

Foto: domaintera.com

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016