Excite

Musica online, countdown alla morte

Non è risuonata una nota ieri, nell'etere virtuale americano. Grandi e piccole emittenti radio online hanno infatti scioperato, interrompendo tutte le trasmissioni. Il motivo dello stop? L'aumento dei costi dei diritti per trasmettere i brani.

"Mai come in questo caso, il silenzio è la metafora più appropriata, visto che a partire dal 15 luglio gli ascoltatori delle radio online dovranno abituarsi a tanto silenzio", ha detto Kurt Hanson, uno degli organizzatori della giornata del silenzio. La data del 15 luglio è quella stabilita dal Copyright Royalty Board (CRB), a partire dalla quale ogni radio dovrà pagare il triplo sui diritti di autore dei brani in onda.

Pandora, Yahoo! Launch, Rhapsody, KCRW.org, Live365, MTV Online, Radioio, RadioParadise, AccuRadio: sono solo alcune delle radio online americane che hanno aderito allo sciopero, protestando contro il governo americano. La mossa del CBR di alzare i prezzi, una sorta di adeguamento rispetto alla crescita del mercato, è retroattiva da gennaio 2006. Proprio l'obbligo di dover pagare una grossa cifra per saldare i conti dell'anno scorso sarà il colpo di grazia per le realtà più piccole, che presumibilmente non riusciranno a rimanere in vita.

Secondo alcuni calcoli, la radio Live365 dovrà pagare un extra di 4 milioni di dollari solo per l'anno fiscale 2006. Anche una delle potenze del web, Yahoo, ha dichiarato che "con queste tariffe anche il nostro servizio Launch perderà soldi, e non abbiamo alcuna intenzione di avere una radio che va in perdita." La protesta di ieri ha trovato uniti grandi e piccole realtà della radio online e i 29 milioni di americani che durante la settimana ascoltano almeno una volta musica dal web, ma c'è una pecora nera. E' Last.fm, che non ha partecipato allo sciopero senza che la CBS - padrona della radio - abbia comunicato alcun motivo ufficiale.

La situazione generale appare dunque decisamente critica come segnala il sito di riferimento, Save The Radio, che anche dopo lo sciopero continua la sua opera di informazione: in homepage è presente un triste conto alla rovescia, quello al 15 luglio, "il giorno in cui la musica morirà".

[nella foto, Nelly Furtado]

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016