Excite

Murdoch vs Google, è botta e risposta

Rupert Murdoch continua a minacciare Google sostenendo di voler rimuovere tutti i suoi giornali online dal servizio News, definito parassitario.

Google però risponde a tono al magnate e rilancia con argomentazioni semplici e tutt'altro che banali: grazie a "semplici standard tecnici" le notizie su Google News "possono essere rimosse in qualsiasi momento" e i producers hanno "il completo controllo su se e quanto dei loro contenuti appare in caso di ricerca".

La risposta di Google a Murdoch scatena anche i commenti degli specialisti secondo cui se davvero Murdoch uscisse da Google News le sue perdite ammonterebbero al 25% del fatturato generale: che interesse avrebbe dunque l'australiano nell'uscire da GNews?

Per il massmediologo Derrick De Kerckhove, Murdoch è destinato a fallire nella sua impresa di osteggiare la dottrina del fair use, cioé l'utilizzo grazie al primo emendamento della Costituzione sulla libertà di espressione americana, degli articoli di altri senza violare il loro copyright.

"Rinunciare a lanciare i suoi contenuti attraverso Google, come ha preannunciato", dice De Kerckhove, "potrebbe costare molto a Murdoch. Questo a meno che lui stesso voglia lanciare una sua nuova piattaforma. Una prospettiva della quale non si è parlato fino ad oggi".

Il punto dunque è uno solo: Murdoch preferirà mettersi contro Google lanciando una propria piattaforma o alla fine cederà, rendendosi conto che ad oggi Google è un gigante e tutti, grandi e piccoli, devono fare i conti con la sua potenza?

Il dibattito è aperto...

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016