Excite

Morte Stefano Cucchi, il web non dimentica

La morte di Stefano Cucchi è ancora avvolta nel mistero, le ipotesi sulla sua tragica fine sono tante dal pestaggio in caserma all’overdose di droga. Ad aiutare le indagini spunta un supertestimone, arrestato anche lui la stessa sera del ragazzo.

Guarda le foto del massacro di Stefano Cucchi

Il teste afferma di aver visto Cucchi picchiato da due agenti di polizia penitenziaria, di piantone alle "camere di sicurezza" e li ha visti infierire su di lui una volta caduto a terra. Una volta in cella avrebbe raccolto la testimonianza del ragazzo che gli avrebbe detto: "Hai visto questi bastardi come mi hanno ridotto?". S.Y., il cui nome è tutelato per il momento, è africano, accusato di spaccio, e ha raccontato al suo avvocato di aver paura di eventuali ripercussioni nei suoi confronti.

Guarda le foto dei messaggi su Facebook in onore di Stefano Cucchi

La morte di Stefano non è passata inosservata e si moltiplicano le iniziative in suo onore, alla ricerca della verità. Anche i Massive Attack, impegnati, il 7 novembre, in un concerto al Palasharp di Milano, hanno fatto apparire sul led una scritta "Verità e giustizia per Stefano Cucchi”, dimostrando di essere sempre attenti ai temi sociali e pronti a combattere l’ingiustizia con la musica.

Guarda il video del concerto in cui i Massive Attack ricordano Stefano Cucchi

Intanto continuano i messaggi su Facebook tra chi spera in nuove norme ad hoc: “Voglio una norma che preveda automaticamente il dolo eventuale per gli agenti che torcono anche solo un capello a un detenuto o un normale cittadino anche quando non sono in servizio”.

Chi incita a mantenere alta l’attenzione: "Teniamo alta l'attenzione, scendiamo in piazza, sosteniamo il testimone, facciamo sentire che non è solo, che noi ci siamo, famiglia cucchi noi ci siamo. Forza non mollate" e chi se la prende con lo Stato: "L'istituzione è libertà di vivere. NO Libertà di Uccidere!!! Assassini. Difesi da uno Stato Vergognoso. Cosa si può avere da questa giustizia???Solidarietà alla Fam.di Stefano".

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016