Excite

Come scegliere un monitor CRT

I monitor CRT sono dei display che sfruttano la tecnologia del tubo catodico. I primi sviluppi risalgono al 1897 a opera del fisico tedesco Karl Ferdinand Braun che per primo realizzò il prototipo dell'oscilloscopio, il predecessore del televisore. Nel 1927 invece Philo Farnsworth costruisce il primo schermo elettronico CRT della storia.

Attualmente gli schermi CRT trovano largo impiego nel mercato dei prodotti elettronici anche se nel corso degli ultimi anni stanno essendo soppiantati da altri tipi di tecnologie come ad esempio gli schermi LCD, LED e al Plasma. Per oltre 70 anni però il CRT è stato lo standard di costruzione per tutti i tipi di televisori in commercio e dagli anni 60' anche quello per i monitor dei computer.

Il funzionamento in realtà è molto semplice, il tubo catodico non è altro che un tunnel in cui è stato ricreato il vuoto in cui passa un fascio di elettroni che viene "sparato" da un catodo, posto a una delle estremità del monitor, fino all'anodo, il polo opposto rappresentato dalla superficie dello schermo vero e proprio. Quest'ultimo è composto da materiali fluorescenti, detti appunto fosfori, che quando vengono colpiti dal fascio elettronico si eccitano caricandosi di energia, energia che rilasciano in seguito sotto forma di radiazione luminosa. La luce che andrà poi a comporre le immagini sullo schermo.

Idealmente i monitor CRT garantiscono alti livelli di qualità per quanto riguarda la resa d'immagine e la gestione del lavoro, tuttavia hanno la caratteristica di essere molto ingombranti e pesare molto di più rispetto agli odierni schermi piatti.

Per effettuare la scelta bisogna tener conto di alcuni parametri importanti, vediamo quali sono:

- La risoluzione massima, ovvero la quantità di pixel in orrizzontale e in verticale che il monitor possiede. Una risoluzione maggiore darà maggiore dettaglio e definizione ai caratteri e alle immagini visualizzate.

- La frequenza di aggiornamento, ovvero la velocità con cui ogni pagina viene costruita e visualizzata sul monitor. Più questo valore aumenta e maggiore sarà la fluidità delle immagini sullo schermo e si eviteranno fastidiosi effetti di sfarfallio.

- Le dimensioni. A seconda delle proprie esigenze personali è possibile scegliere un monitor in base alle dimensioni che più si preferiscono. Analogamente a quanto avviene per gli schermi LCD le dimensioni di un monitor CRT indicano la misura in pollici della diagonale dello schermo. C'è da dire però che l'area visibile effettiva di un monitor CRT molte volte non copre interamente lo schermo, pertanto la sua misura risulterà poco minore rispetto al valore nominale.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016