Excite

Militari uccisi a Kabul, il cordoglio su Facebook

Alle 9.40 in Italia un attentato a Kabul ha distrutto la vita di 6 militari italiani appartenenti al 186° Reggimento Paracadutisti Folgore. A provocare l'atto terroristico, rivendicato dai talebani, è stata l’esplosione autobomba. Due veicoli blindati Lince sono rimasti coinvolti, nel primo mezzo del convoglio, sono rimasti uccisi tutti e cinque gli occupanti mentre nel secondo solo uno dei militari a bordo è morto e altri tre sono rimasti feriti.

Guarda il video dell'attentato ai militari italiani a Kabul

I nomi dei miltari uccisi sono stati resi noti, si tratta del tenente Antonio Fortunato, originario di Lagonegro (Potenza); del primo caporal maggiore Matteo Mureddu, di Oristano; del primo caporal maggiore Davide Ricchiuto, nativo di Glarus (Svizzera); del primo caporal maggiore Massimiliano Randino, di Pagani (Salerno); del sergente maggiore Roberto Valente, di Napoli, e del primo caporal maggiore Gian Domenico Pistonami, di Orvieto.

In queste ore si sono moltiplicate su Facebook la nascita di gruppi dedicati al ricordo di quest’evento. Il social network diventa così un luogo virtuale dove riunirsi per poter affrontare e condividere il dolore. C'è il gruppo: "Cordoglio per i 6 militari uccisi a Kabul!" o "Sei militari italiani uccisi a Kabul...Facebook non dimentica!!!!" o ""Per ricordare i 6 militari italiani uccisi il 17/09/09" dove sulla bacheca gli utenti hanno lasciato molti messaggi tra cui:

"Ricordarli è il minimo che possiamo fare per dei ragazzi giovani come noi, che credono in quello che fanno e tutti i giorni cercano di dare un senso e portare civiltà in un paese che ha bisogno di aiuto".

Sul gruppo "Onore ai militari italiani caduti a Kabul" Luana Mattei ha scritto: "Oggi sono stata malissimo quando ho saputo...mi è sembrato di rivivere quei momenti di 25 anni fa ,quando mio marito,allora era il mio fidanzato,partecipo come militare di leva del san marco alla prima missione di pace del nostro contingente in Libanolui riase ferito in un attentato e abbiamo saputo la notizia tramite i telegiornali,credetemi ,angoscia disperazione ,è stata un'esperienza bruttissima,eppure nonostante le ferite che hanno lasciato il segno e nonostante lo sconvolgimento di vita che ha cio ha lasciato ,ancora oggi nei suoi occhi quando guarda o si parla d questi eroi che rischiano la vita per la pace leggo l'orgoglio di essere italiano e di avere partecipato ad un progetto di pace,che forse sara irraggiungibile ,ma almeno ci si prova...e da parte mia spero di non sentire piu da tante persone ,cio che ho sentito all'epoca "ma se lè cercata ,li cè andato per soldi"a prescndere dal fatto dell'ignoranza di chi non è al corrente di certe cose....."

Un altro scrive: "Quella gente Lì non merita i nostri soldati, nessuno è dalla nostra parte, passeranno gli anni e l'aiuto dei nostri soldati per quanto importante, sarà sempre vano...Rimandateceli a casa!!!"

Mentre c'è anche chi pensa ai familiari delle vittime nel gruppo "Un pensiero per le famiglie dei 6 militari rimasti uccisi a Kabul": "Siate fieri dei vostri ragazzi ,sono scomparsi per difendere la liberta', la democrazia e la tirannia dei terroristi oggi tutto il popolo italiano ha perso 6 ragazzi. un abbraccio a tutti voi".

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016