Excite

Microsoft attacca Google sui copyright

Continua la sfida a distanza tra Microsoft e Google. Stavolta l'attacco viene dalla società di Bill Gates, e nello specifico da Thomas Rubin, Associate General Counsel Microsoft nonché capo della sezione che si occupa di copyright.

Le sue dichiarazioni, preparate per un discorso che si terrà oggi, sono state anticipate dal New York Times. Secondo Rubin, la mossa di Google di entrare in nuovi mercati (con Google Books, YouTube, ecc.) è fatta a discapito degli stessi editori dei libri e produttori dei video. L'accusa è quella di fare soldi sfruttando materiale altrui, ma soprattutto: "La posizione di Google è quella secondo cui ogni cosa può essere liberamente copiata, finché chi i possiede i diritti di quella cosa avverte Google e gli dice di fermarsi".

La questione dunque sembra essere: Microsoft prima di pubblicare qualcosa, chiede il permesso a chi ne ha i diritti, Google no. In particolare è sotto accusa YouTube (controllata da Google), contenente centinaia di migliaia di video inseriti senza l'autorizzazione degli autori. Il risultato è, da parte di Google, un profitto ricavato da video inseriti senza averne i diritti, fino al momento della loro rimozione.

La replica di Google arriva per bocca di David Drummond, capo dell'ufficio legale, che ricorda come la sua società stia collaborando con migliaia di editori di libri e con società importanti (come BBC e NBA), in accordo con le leggi internazionali e con il risultato di maggiori guadagni anche per gli autori dei contenuti.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016