Excite

Maroni chiede di intercettare le telefonate via Skype

Qualche giorno fa Repubblica aveva lanciato l'allarme: la criminalità organizzata si serve di Skype e del Voip per non essere intercettata.

Così il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha dato vita ad un gruppo di lavoro formato da rappresentanti del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dalla Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche per fare in modo che possano essere ascoltate, e dunque intercettate, anche le telefonate effettuate via Voip.

In allerta Skype che sostiene di non poter rivelare "il codice per ragioni di privacy" e di non poter "fornire la tecnologia necessaria per la decrittazione e l'ascolto delle comunicazioni che avvengono attraverso Skype".

Il gruppo di lavoro, spiegano dal Viminale, è necessario per evitare che i criminali abbiano delle possibilità di fuga in quanto consapevoli di non poter essere rintracciati.

Ma non è detto che, se alla fine Skype collaborerà con il Governo Italiano, non si creerà una rete clandestina basata sulla tecnologia Voip e in grado di scavalcare e aggirare le leggi, esattamente come è accaduto alle reti per lo scambio di file peer to peer.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016