Excite

Mark Zuckerberg, non solo Facebook: entra in politica con le idee chiare

  • Getty Images

Entrare in politica con un impegno concreto per gli altri. Così Mark Zuckerberg, numero uno di Facebook, ha deciso di lanciarsi in politica con un piano ben preciso.

Il papà del più famoso social network ha creato un gruppo per fare pressione e rendere meno rigide le leggi sull'immigrazione e il sistema che regola la concessione dei visti.

La notizia è stata riportata dal “Telegraph” che spiega come nella nuova avventura il 28enne miliardario potrebbe investire 20 milioni di dollari.

Zuckerberg si è già impegnato, in passato, in altro modo, donando 100 milioni di dollari nel sistema scolastico del suo Stato, il New Jersey.

L'amministratore delegato di Facebook “scenderà” in campo in politica assieme al suo ex compagno di stanza ad Harvard Joe Green, e si sta impegnando per trovare sostegno finanziario.

L'idea nasce da un'esigenza specifica: molti gruppi che lavorano nell'ambito della tecnologia si sono lamentati della normativa in tema di immigrazione che “rende difficile le assunzioni di talenti e laureati stranieri”. Per questo motivo qualche settimana fa lo stesso Zuckerberg e altri 99 amministratori delegati della Corporate America avevano inviato una lettera al presidente Barack Obama e al Congresso per affrontare la questione.

Nella campagna politica il papà di Facebook coinvolgerà Joe Lockhart, ex consulente di comunicazione di Bill Clinton e capo delle pubbliche relazioni del social network. Dall'ingresso in politica di Zuckerberg avrebbe grande vantaggio, ovviamente, anche lo stesso Facebook sia a livello di immagine che come business in generale.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017