Excite

L'Interpol chiede aiuto al web

I social network, come Facebook e Twitter, non sono solo dei passatempi, ma possono diventare uno strumento per ritrovare e arrestare criminali pericolosi. Infatti l'Interpol ha chiesto agli utenti del web di collaborare con loro grazie al progetto partito il 3 maggio scorso 'Infra-Red'.

Sono circa 450 i fuggitivi nascosti in 29 nazioni, accusati di reati molto gravi che vanno dall'omicidio alla pedofilia, dalle rapine al traffico di droga. Gli utenti possono prelevare le foto dal sito dell'Interpol e inviare informazioni utili, anche in modo anonimo.

Martin Cox, coordinatore dell'operazione, ha dichiarato: 'Ci sono individui di cui non disponiamo informazioni aggiornate e soprattutto non abbiamo idea di dove si possano essere rifugiati. Per questo abbiamo domandato al pubblico di darci man forte'.

Aggiunge che è possibile che qualche fuggiasco passi per qualche social network: 'E' possibile che qualcuno incontri uno di questi fuggitivi anche su uno dei tanti social network o sui forum di discussione su Internet, così come potrebbe accadere per strada'. Le informazioni raccolte saranno raccolte e analizzate dall'ufficio di Lione e trasmesse ai 188 paesi membri del sodalizio che combatte la criminalità internazionale.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016