Excite

La Libia censura Internet: la risposta degli attivisti

Le ultime ore in Libia sono state tormentate: la rivolta della popolazione è stata soppressa da elicotteri e arei, Tripoli è stata bombardata.

Leggi le ultime sugli scontri in Libia

Dopo quasi 5 giorni di protesta la Libia ha deciso per opera del capo del governo Muammar Gheddafi di vietare l'accesso ai social network come Facebook e Twitter ed altri siti web. Una censura del web che ha portato ad un taglio del traffico Internet in questi giorni con un calo evidente e ad un continuo disturbo dei segnali televisivi e di telefonia mobile dovuti a continui jammer operati dal regime.

In Bahrain si è notato undecremento del traffico Internet del 20% proprio mentre crescevano le proteste e le richieste di riforme. Il taglio di Internet in Libia è cominciato Venerdì scorso con il blocco di Facebook e via via altri siti come Hotmail e YouTube hanno subito lo stesso trattamento.

Internet in Libia viene collegata la mattina presto e il servizio viene interrotto verso le 22 circa di sera.

L'unico a salvarsi dalla censura sembrerebbe Twitter: è possibile geotaggare la Libia e Tripoli per seguire gli avvenimenti attraverso i tweet ma bisogna fare attenzione alle false notizie come quella che mezzi italiani siano stati coinvolti nel bombardamento della popolazione.

Mentre Avaaz raccoglie soldi per contrastare il blackout libico, alcuni cyberattivisti come Arasmus hanno creato una mappa per documentare i luoghi della rivolta.

Il blogger Mibazaar ha realizzato un mashup tra Twitter e Google Maps per tracciare le proteste in tempo reale.

In Italia l'effetto Gheddafi e Libia si fa sentire con riflessioni a volta anche un po' ironiche: alcuni utenti stanno usando su Twitter l'hashtag #hovistogheddafi per screditare il dittatore.

Intanto è nato il blog Libya Feb 17 che racconta con testo, foto e video le ultime ore dal giorno 17 Febbraio in cui è cominciata la protesta.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016