Excite

Last.fm diventa un servizio a pagamento

Last.fm, il sito che trasmette musica gratis in streaming, sta per diventare un servizio a pagamento. La conferma arriva dall’alto della società che lo gestisce e dal 30 marzo gli internauti dovranno pagare un’iscrizione mensile di 3 euro. Un abbonamento per tutti gli appassionati che potranno usufruire dell'archivio di oltre 7 milioni di brani a disposizione. Questo dazio non verrà applicato in tutti i paesi, saranno immuni la Germania,la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, ovvero i mercati più remunerativi, mentre negli altri stati i costi di gestione superano i ricavi per cui si necessita un pagamento.

L’azienda non ha dato, comunque, spiegazioni soddisfacenti per questa novità anche se molti sostengono che ci sia un problema di diritti d’autore. Infatti il provvedimento è stato richiesto da alcuni Paesi europei ed extracomunitari, come l’Italia in cui bisogna pagare una tassa alla SIAE. Altri invece ipotizzano che la causa sia da ritrovarsi nella crisi economica che invade anche le major musicali.

In questo periodo di recessione, ad esempio, la Warner Music non ha sottoscritto il nuovo contratto con Last.fm proprio per l’assenza di introiti sicuri derivanti da un servizio a pagamento. La soluzione dei micro-pagamenti è stata fondamentale per iTunes, bisogna capire cosa ne penseranno gli utenti. A tutti verrà comunque data la possibilità di provare il sistema gratuitamente per i primi 30 giorni.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016