Excite

La posta di Libero cancellata senza motivo

Da qualche settimana la posta di Libero funziona a singhiozzo e, soprattutto, sparisce: del caso parla Repubblica che riporta la denuncia di Patrizia Bertoli, ricercatrice universitaria, alla quale sono sparite 6000 email.

Il problema coinvolge migliaia di utenti e ormai Libero e Wind non sanno più che pesci prendere e da che parte iniziare con le spiegazioni al punto tale che si sono limitati a dire che la colpa della sparizione è degli utenti che magari inavvertitamente hanno scaricato la posta sui loro computer e dunque la cancellazione dai server di Libero è ovvia.

Siccome la protesta non si placa e gli utenti non sono soddisfatti delle spiegazioni ufficiali, Wind ha fatto sapere che il tutto potrebbe essere opera di ladri di dati personali che sono venuti in possesso dei dati di accesso alla posta ed eliminato parte delle email.

Spiegazione che, ora come ora, convince ancora di meno e che sembra uno scaricabarile allo scopo di non trovare il vero responsabile di ciò che sta accadendo alla posta elettonica di migliaia di utenti.

Dal momento che le lamentele degli utenti sono legate al fatto che sulla posta elettronica erano presenti informazioni personali, foto e documenti importanti ci si chiede se è normale affidare la propria vita ad Internet e soprattutto ad estranei chiamati a gestire i propri dati e le proprie referenze.

Il recente blackout di Gmail ripropone lo stesso problema e allora non sarebbe meglio, come si faceva un tempo neanche tanto lontano, archiviare tutto sul proprio pc di casa senza affidarsi a terze parti?

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016