Excite

La Francia propone la Google Tax

Dopo la creazione della legge Hadopi, che blocca la connessione a chi scarica illegalmente file, la Francia pensa a un nuovo provvedimento, la Google Tax. Un'imposta che ha l'obiettivo di tassare gli introiti pubblicitari dei colossi come Google, Facebook, Microsoft e Yahoo, cioè le società online che vendono spazi.

La legge voluta dalla Commissione Zelnik presieduta da Patrick Zelnik, nata con lo scopo di migliorare l'offerta di beni culturali online e trovare formule più efficaci di retribuzione per chi produce contenuti, sarà sottoposta al Presidente Sarkozy in questi giorni. Si spera che con l'istituzione di una trattenuta fiscale dall'1 al 2% sulla pubblicità online, si possa dar vita a un fondo per finanziare chi produce opere d'ingegno, che supportino l'industria cinematografica e musicale finanziando meccanismi che consentano di distribuire film e brani in maniera legale attraverso la rete Internet.

Google, preoccupata, propone una collaborazione: "Noi riteniamo che l'introduzione di una tassa supplementare alla pubblicità su Internet non è il modo giusto di procedere e potrebbe rallentare l'innovazione. Il modo migliore per supportare la creazione di contenuti è quello di trovare nuovi modelli di business che aiutano i consumatori a trovare ottimi contenuti e che premino gli artisti e gli editori per il loro lavoro. Google supporta già la creazione di contenuti attraverso partnership con molti editori francesi e creatori di contenuti. In realtà, in tutto il mondo, abbiamo distribuito più di 4,2 miliardi di euro l'anno scorso ai nostri partner, per aiutare a finanziare la creazione di contenuti".

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016