Excite

La Cassazione consente il sequestro dei siti pirata

La Cassazione, lo scorso settembre, aveva richiesto il sequestro preventivo del sito The Pirate Bay e oggi è stata resa pubblica la sentenza che spiega il perché del blocco. Queste motivazioni creano un precedente nel mondo dei siti pirati e del file sharing in generale.

Infatti, il giudice può “disporre il sequestro preventivo del sito web il cui gestore concorra nell’attività’ penalmente illecita di diffusione nella rete Internet di opere coperte dal diritto d’autore, senza averne diritto, richiedendo contestualmente che i provider del servizio di connessione Internet escludano l’accesso al sito, al limitato fine di precludere l’attività’ d’illecita diffusione di tali opere”.

La Fimi (Federazione dell’industria musicale italiana) fa sapere: “In giorni nei quali si parla tanto di autoregolamentazione del web, la magistratura indica con chiarezza come ci si debba muovere per combattere l’illegalità in rete: applicando le leggi esistenti nel mondo reale anche al mondo del web senza arrendersi di fronte alla facile demagogia che internet sia senza regole e dove impunemente si possono violare le leggi”.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016