Excite

KaZaA a pagamento, flop annunciato?

Se Pirate Bay è stato rivisitato ed è tornato in una nuova versione, legale e a pagamento, anche lo storico KaZaA ha rivisto del tutto la sua policy e la sua struttura modificandosi del tutto.

Il software che qualche anno fa mandò in crisi le major e fece scoppiare uno scandalo legato alla diffusione di materiale protetto da copyright si è trasformato in servizio di distribuzione autorizzato dalle stesse major.

Gli utenti sono dunque chiamati a pagare un obolo di 20 dollari al mese per usufruire dei servizi di KaZaA: a questa cifra si può ascoltare la musica al momento oppure scaricarla.

KaZaA offre anche la possibilità di scaricare suonerie per cellulari associando la spesa alla bolletta telefonica o alla carta di credito.

Se fosse solo per il costo si potrebbe glissare sulla peculiarità di questo servizio ma a ben guardare si scopre che le limitazioni sono parecchie: innanzitutto il nuovo KaZaA è disponibile solo negli Usa e inoltre funziona solo su Windows, i file sono protetti da DRM e sono solo tre i pc che possono ascoltare contemporaneamente la musica scaricata.

Un passo del gambero quello di KaZaA che non riesce a mettersi alla pari con i nuovi store per scaricare musica lanciati dai produttori tanto che quasi tutti parlano di flop annunciato nonostante i manager del software si dicano soddisfatti puntando tutto sugli utenti fedeli.

Napster però insegna che il passaggio da sito illegale a sito legale, con tutte le beghe e le conseguenze del caso, si paga sempre in termini di utenti persi.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016