Excite

Italia.it: insuccesso su tutti i fronti

Già il logo, presentato qualche giorno fa, aveva destato più dubbi che altro, dando sfogo a commenti negativi o ironici. Poi è arrivato il lancio del sito web, e a quel punto è scattata corale l'indignazione generale per un portale costosissimo e del tutto inadeguato.

Stiamo parlando del mega-progetto che ha portato alla generazione di Italia.it, il portale per rilanciare l'immagine del nostro paese e favorire il turismo, presentato qualche giorno fa da Francesco Rutelli.

"Alla presenza del Ministro dell'Innovazione Tecnologica, Luigi Nicolais, Francesco Rutelli ha illustrato l'innovativo portale italiano che è navigabile in quattro lingue e che ha riscosso un immediato successo di critica e di pubblico." Innovativo? Successo? Non spaventatevi, è solo un estratto dal comunicato stampa ufficiale. Altrove infatti, è unanime il coro di dissensi per un sito del tutto malriuscito.

Blogger e associazioni di consumatori criticano l'enorme spreco di denaro, sia per il logo che per il portale (è ufficiale la cifra di 45 milioni di euro). "Una montagna che ha partorito un topolino", secondo l'Adiconsum. Problemi di compatibilità, codice non a norma con la legge Stanca (che regola i requisiti obbligatori di accessibilità per tutti i siti di Enti Pubblici), utilizzo di tecniche obsolete, difficoltà di navigazione, problemi con la fruizione dei contenuti, traduzioni nelle altre lingue non perfette. Insomma, a detta dei più: un disastro, tenuto conto dell'enorme somma di denaro investita. Un peccato, perché i contenuti nel sito sono comunque parecchi e in certi casi molto interessanti.

Uno degli aspetti più rilevanti del lancio di Italia.it è l'attenzione che ha destato sul web, cosa che si traduce in centinaia di commenti della blogosfera, stizziti, ironici, rassegnati, rabbiosi, per un sito che a molti è parso il miglior specchio della nostra società.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016