Excite

Internet in Italia vale il 2% del PIL

Il settore delle Telecomunicazioni non sembra cavarsela poi così male soprattutto per quanto riguarda le imprese.

Le nuove offerte Internet ADSL rappresentano uno dei tanti segnali della voglia e necessità di potenziare e integrare la Rete in Italia.

Questo trend viene anche confermato dalla ricerca 'Fattore Internet' commissionata da Google al Boston Consulting Group per scoprire quanto valesse la Internet Economy in Italia.

La ricerca ha mostrato come nel 2010 il valore della web-economy è stato di 31,6 miliardi di euro, pari al 2% del prodotto interno lordo nazionale (PIL), in crescita del 10% sul 2009.

Tra i servizi più renumerativi c'è sempre il turismo che è davanti ad informatica, elettronica di consumo, assicurazioni e abbigliamento. nella voce consumo ovviamente il 35% è occupato dall'hardware per connettersi in rete come tablet, smartphone e dalle bollette telefoniche. Tra i contenuti digitali i più ricercati non sono le news ma il gaming e soprattutto il poker online che nel 2010 ha registrato una raccolta di oltre 3 miliardi di euro.

Le prospettive di crescita sono interessanti: l’Internet economy italiana rappresenterà nel 2015 tra il 3,3% e il 4,3% del PIL se crescerà la penetrazione e la fiducia verso l'e-commerce nel 2015 Internet in Italia avrà un valore di 59 miliardi di euro.

Inoltre, secondo BCG, le piccole e medie imprese (PMI) che usano molto e attivamente Internet crescono più in fretta, hanno una clientela diversificata e assumono più persone registrando una crescita dell'1,2% dei ricavi negli ultimi tre anni.

Insomma lo studio dimostra ancora una volta gli effetti positivi ed i benifici di Internet sull'economia, le persone e sulle aziende. L'Italia e le telco sapranno investire e cavalcare la Internet economy?

Fattore Internet: l'impatto del web sull'economia italiana

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016