Excite

Insegnanti e tecnologia, c'è ancora tanto da imparare

Un'indagine condotta da Edu-Tech, in occasione di un convegno dedicato al futuro della scuola che si aprirà domani a Milano, ha rivelato che in fatto di tecnologia gli insegnanti italiani devono imparare ancora molto. Dall'indagine, svolta su circa mille professori, è emerso che c'è chi confonde il notebook con Facebook, chi crede che Outlook sia un modo di dire che si è fuori moda e chi pensa che l'hard disk sia un gruppo metal. In realtà la maggior parte dei professori utilizza il computer, il problema è che manca una vera formazione.

I dati dell'indagine mostrano che il 67 per cento degli insegnanti italiani usa abitualmente il computer. Una percentuale di certo non bassa, alla quale però si contrappone una scarsa formazione. Il 26 per cento dei docenti, infatti, ha affermato di essere un autodidatta, mentre un altro quarto ha imparato grazie all'aiuto dei figli. Solo il 19 per cento ha detto di aver seguito dei corsi.

A quanto pare gli insegnati utilizzano soprattutto Internet, il 20 per cento tutti i giorni, il 40 per cento spesso e il 19 per cento almeno un paio di volte alla settimana. Il web viene utilizzato soprattutto per informaesi (78 per cento), per controllare la posta (73 per cento) e per navigare sui social network (47 per cento).

L'indagine ha svelato anche cosa pensano i docenti del rapporto tra web e scuola. Secondo il 41 per cento il computer e Internet sono mezzi di comunicazione e strumenti che la scuola deve ancora imparare a sfruttare appieno, per il 19 per cento, inoltre, sono mezzi che aiutano a comunicare meglio con i ragazzi. Ma c'è un 12 per cento secondo il quale il web deve essere separato dalla professione di docente; un 10 per cento che lo considera un pericolo per la serietà di approfondimento e ricerca; un 7 per cento per il quale non è altro che una perdita di tempo.

Per la maggior parte degli insegnanti (il 64 per cento), tuttavia, la tecnologia è importante. A scuola dovrebbe esserci un computer per ogni studente, negli istituti dovrebbe poi essere presente l'accesso a Internet e dovrebbero esserci più prodotti didattici multimediali.

 (foto © LaPresse)

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016