Excite

Il mondo del Web2.0 alla ricerca di Jim Gray

Negli ultimi giorni ne hanno parlato anche i quotidiani ed i telegiornali italiani: il guru dell'informatica Jim Gray è disperso al largo di San Francisco, dopo essersi messo in mare con la sua barca a vela "Tenacious". Gray era partito la mattina di domenica 28 gennaio dalla costa della città americana per raggiungere le isole Farallon, allo scopo di disperdere a mare le ceneri della madre.

Jim Gray, 63 anni, manager del Microsoft Research's eScience Group, è stato erroneamente definito da molti media (soprattutto italiani), il fondatore di Google Maps. Ha 40 anni di esperienza di navigazione, perciò restano misteriosi i motivi dalla scomparsa della sua imbarcazione.

Il mondo del Web2.0 si sta mettendo alla sua ricerca, ed ora ognuno può fare la sua parte. Amazon ha infatti rilasciato le fotografie satellitari dettagliate della zona, scattate tre giorni dopo la scomparsa. Tramite il servizio Mechanical Turk, usualmente utilizzato per assegnare compiti a pagamento, ognuno può scandagliare una foto che rappresenta una piccola parte della zona interessata, e se intravede qualcosa che possa assomigliare ad un'imbarcazione lo può segnalare per permettere controlli specifici da parte di esperti.

Questo è un esempio di come un'applicazione Web2.0 riesca ad unire le forze delle persone di tutto il mondo per uno scopo legato al mondo "reale". Oltre a partecipare attivamente alle ricerche, potete seguire tutti gli aggiornamenti di questa vicenda leggendo il blog di Roger Jennings.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016