Excite

Il libro digitale costringe Barnes & Noble alla vendita

In America non si acquistano più libri, in realtà, a quanto pare, non si acquistano più libri in libreria. Infatti, la catena di vendita al dettaglio di libri, la Barnes & Noble, con 720 punti vendita in tutti gli Stati Uniti, ha annunciato che è pronta a vendere l'azienda affinché possa affrontare al meglio le nuove sfide tecnologiche.

In un comunicato, diramato a sorpresa, i dirigenti della nota libreria fanno sapere: 'Siamo alla ricerca di nuove strategie aziendali, inclusa una possibile vendita della compagnia, per accrescere il valore delle azioni, attualmente troppo sottovalutate. In quanto prima catena di librerie del mondo Barnes & Noble, ha un marchio riconosciuto e vantaggi competitivi unici che metteranno la compagnia nella condizione di aver successo in un mercato che sta cambiando velocemente'.

Se volevano ottenere un risultato in borsa ci sono riusciti, poiché a Wall Street, dopo la notizia, il titolo è volato a +21%. Quello che ha spinto, però, la società a questa richiesta è stata sia la diffusione di libri a basso costo nei grandi centri commerciali ma anche l'evoluzione del libro digitale. Per un periodo sono riusciti a restare a galla sviluppando un proprio lettore di e-book, il Nook, ma Kindle di Amazon e l'iPad di Apple sono dei concorrenti troppo forti per riuscire a cambiare le cose.

Barnes & Noble sta provando a modificare il suo business verso l'aspetto digitale, ma non bastano le risorse economiche che ha disposizione, ci vogliono investimenti più sostanziosi. Tra i possibili acquirenti si fa il nome di Leonard Riggio, il fondatore e azionista di maggioranza della libreria, colui che ha trasformato un semplice negozio in un'esperienza da vivere.

 (foto © LaPresse)

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016