Excite

Il leghista Matteo Salvini cacciato da Facebook?

Il deputato della Lega Matteo Salvini se la prende con Facebook perchè, dice, il suo account è stato disattivato senza spiegazioni; non solo, perchè lo stesso aggiunge di voler presentare un'interrogazione parlamentare.

Salvini sostiene di aver "raccolto centinaia di segnalazioni da parte di persone che sono state disattivate e cancellate dal più diffuso social network del momento senza uno straccio di motivazione. Ho depositato oggi una interrogazione al ministero delle telecomunicazioni per conoscere più da vicino alcuni numeri di questa realtà".

Il deputato si chiede inoltre, e chiede, "quanti italiani risultano iscritti a Facebook, se e quale tipo di controllo risulti al ministero essere effettuato e da parte di chi, dove risultino le sedi operative del social network in questione e chi ne siano i legali rappresentanti, se e quanti siano i casi segnalati di censura e di eliminazione di iscritti, gruppi o altro in rete".

Salvini sostiene di non aver ricevuto praticamente nessuna risposta da parte di Facebook: "l'unica risposta giuntami da un non meglio precisato The facebook team mi saluta in inglese, mi dice che ha ricevuto la mia protesta e mi garantisce un contatto ed un intervento a breve. Era il 26 Novembre, visto che non riesco a capirci molto io ne tantissimi altri utenti vittime di, medesima sorte, vediamo se ci riuscirà qualcuno a livello ministeriale. Anche perché mi risulta che ormai i parlamentari iscritti a Facebook, per svago o lavoro siano diverse centinaia".

Chiaramente a sostegno di Matteo Salvini è nato, proprio su Facebook, il gruppo gruppo Riattivate l'account di Matteo Salvini secondo cui "Matteo non ha mai insultato nessuno e anzi è uno dei politici (uno dei pochissimi politici) più disponibile e gentile che ci siano, non nega mai a nessuno un confronto e neanche un caffè".

Sempre a sostegno del deputato della Lega è nato anche il gruppo Matteo Salvini 4 President, dove si discute di Salvini e del suo oscuramento.

C'è da dire che solo qualche giorno fa il deputato leghista aveva ammesso di aver calcato la mano nel corso di una seduta parlamentare per ammazzare il tempo: "la sinistra ha fatto ostruzionismo alla Camera dei Deputati, e ha parlato per cinque ore filate. Le alternative erano il suicidio o il computer. E quindi io sono stato lì, ad ammazzare il tempo, smanettando con la mail e con Facebook. Sono stato collegato un sacco di tempo, e magari avrò fatto troppe robe. Però cavolo, che almeno ti avvisassero".

Chissà se a questo punto a Salvini converrà davvero presentare un'interpellanza parlamentare...

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016