Excite

AOL compra Huffington Post: la morte dei blog?

C'erano una volta i blog ed i network di blog, il cosiddetto nanopublishing, piccole aziende libere ed indipendenti da gruppi editoriali consolidati...

E invece ora non ci sono più o per lo meno i grandi network restano in pochi. La notizia più recente è l'acqusizione dell'Huffington Post da parte di AOL che l'ha comprato per 315 milioni di dollari.

Huffington Post ha sviluppato 50 milioni di dollari di revenue quest'anno e si appresta a raggiungere i 100 milioni di ricavi. Per questo motivo AOL è caduta in borsa perchè il prezzo è stato giudicato troppo alto dagli analisti.

L'accordo prevede che Arianna Huffington resti per diversi anni ancora al comando nonostante l'entrata di AOL e che diventi presidente dell'Huffington Post media group' e responsabile dei contenuti editoriali di AOL. Tim Armstrong, CEO di AOL, ha dichirato che è intenzione da parte di AOL di allargare i contenuti e di focalizzarsi su di una strategia precisa coinvolgendo le donne, gli influencers e sviluppandosi sul locale.

La strategia di AOL è nota in un documento, The AOL Way, diffuso qualche giorno fa in Rete. Vanno in questo senso le recenti acquisizioni come quella di TechCrunch.

Secondo i primi l'entrata di AOl in HuffPo potrebbe essere disastrosa in quanto l'Huffington Post era cominciato nel 2005 con il contributo gratuito di molti blogger ed autoritevoli opinion leader che avevano creato una Rete di commenti e contenuti interessante, soprattutto nel settore politico.

Da startup il passo successivo con AOL sarà quello di diventare un distributore di contenuti, un media con regole e standard più generalisti ed identificabili. Da parte di AOL c'è stato l'interessante acquisto di una piattaforma che produce notizie ma ha anche un ottimo background tecnologico.

Probabilmente i blog di Huffington Post diminuiranno ed è da valutare il grado della loro indipendenza. In Usa anche la rete di blog Gawker ha realizzato un redesign del sito e si appresta a tagliare blog ed a diventare più 'social'.

Che sia la fine dei blog personali per come li abbiamo conosciuti fino ad ora?

Tim Armstrong di AOL e Arianna Huffington parlano dell'accordo

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016