Excite

Hard Disk a stato solido SSD: perchè sceglierlo e quale scegliere

L'hard disk è sempre stato il pezzo più importante di tutto il pc: mentre tutto il resto è sostituibile, i nostri dati non hanno 'prezzo' ed è indispensabile possedere un disco affidabile e robusto.

Nel corso della storia di questo pezzo vi sono stati numerosi cambi di tecnologia, prima Parallel ATA, poi Serial ATA ed infine dischi a stato solido montati su lettori mp3, pc portatili, memorie USB, cellulari.

Il Solid State Disk, SSD, è a differenza dei dischi standard con veri e propri dischi all'interno, una architettura completamente nuova e più moderna, resistente ad urti e cadute e le unità si basano sulle memorie flash di tipo NAND per archiviare i dati, sfruttando la modifica dello stato elettronico delle celle. Ed è proprio per questo motivo che essi non richiedono parti meccaniche e magnetiche (dischi, motori o testine) con una maggiore sicurezza di tutti i nostri dati. Inoltre sono anche molto silenziosi e riscaldano meno.

Vi sono numerosi hard disk a stato solido SSD in commercio, la famosa Verbatim ha lanciato da pochi mesi la sua linea di dischi con questa tecnologia tutti con tecnologia USB 3.0 retrocompatibile in grado di raggiungere velocità elevate, fino a 190 MB al secondo di trasferimento dati.

Le capacità sono varie, costano di più rispetto ai tradizionali dischi ed ancora hanno dimensioni 'limitate'.Le soluzoni PNY per esempio da 64 GB hanno un costo di circa 80/90 euro. La linea OCZ proposta in soluzioni da 120 GB a circa 170 euro, oppure Transcend da soli 32 GB a circa 110 euro.

E' chiaro che è opportuno prendere un disco base di tipo tradizionale ed affiancare una soluzione SSD, ma per gli utenti mobili o più all'avanguardia è possibile pensare il passaggio 'diretto' verso questa nuova tecnologia sicuramente più performanete e sicura.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016