Excite

Google lancia "pronto soccorso" online per i siti hackerati

  • Getty Images

Avete presente quei messaggi che compaiono quando navigate in rete, del tipo: il sito “potrebbe essere compromesso” o “potrebbe danneggiare il vostro computer”? Avvisi che spesso allarmano gli utenti meno esperti e allontanano i navigatori creando un danno non indifferente ai proprietari dei siti in questione, magari protagonisti di un attacco hacker o una semplice manipolazione.

Per questo motivo Google ha deciso di correre ai ripari e tutelare i webmaster e i proprietari dei siti con una “Guida per i siti hacked” con decine di consigli, scritti e in video, per evitare violazioni ai propri siti e ripristinare quelli compromessi.

Dai motivi che possono spingere gli hacker a bloccare i siti alle informazioni di base sullo spam e sul malware, fino alle informazioni su come “pulire” e mantenere un sito libero da codice maligno.

All’insaputa del proprietario del sito, un hacker potrebbe averlo infettato con codice dannoso, che è a sua volta in grado di registrare sequenze di tasti sui computer dei visitatori, rubare le credenziali di accesso per l’online banking o transazioni finanziarie”, spiega Google.

Un aiuto concreto, dunque, ma anche una grossa operazione di marketing e immagine da parte del motore di ricerca per rafforzare i rapporti con i webmaster e dunque, indirettamente, con i futuri inserzionisti. Già nel 2010, comunque, il colosso di Mountain View aveva portato avanti un’iniziativa per fermare i pirati offrendo un premio in denaro a tutti i “maghi della tastiera” che avrebbero suggerito trucchi per smascherare gli intrusi.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017