Excite

Google festeggia la scoperta dei Raggi X

Google celebra i 115 anni dalla scoperta dei Raggi X e lo fa con un doodle, che fa la radiografia al logo del motore di ricerca. Una luce blu mostra le ossa della scritta tra le più famose del mondo.

A scoprire la radiazione elettromagnetica fu, l'8 novembre del 1895, lo scienziato tedesco Wilhelm Conrad Rontgen. Lo scienziato, portando a termine gli esperimenti dei suoi colleghi, si trovò in laboratorio a sperimentare l'utilizzo di raggi che non conosceva le proprietà, per questo li chiamò 'X', anche per non attribuirsi il merito della scoperta frutto di precedenti lavori.

Wikipedia definisce così i Raggi X: 'È nota come raggi X quella porzione dello spettro elettromagnetico con una lunghezza d'onda compresa approssimativamente tra 10 nanometri (nm) e 1/1000 di nanometro (1 picometro). Raggi X con una lunghezza d'onda superiore a 0,1 nm sono chiamati raggi X molli. A lunghezze minori, sono chiamati raggi X duri. I raggi X duri si affiancano ai raggi gamma, più energetici, ma vengono distinti da essi a seconda della loro origine: i fotoni X sono prodotti da variazioni della cinetica degli elettroni, mentre quelli gamma da transizioni e decadimenti all'interno di un nucleo atomico (origine nucleare), o dall'annichilazione di un positrone e di un elettrone'.

Tale scoperta è stata fondamentale non solo per dare a Röntgen il Premio Nobel per la Fisica, ma in ambito medico è stata uno dei pilastri della diagnostica specie per le patologie ossee. Oggi questi fenomeni vengono utilizzati nell'ambito della sicurezza, all'aeroporto in particolare, per analizzare il contenuti dei bagagli.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016