Excite

Gimp 2: il miglior concorrente di Photoshop

Da diversi anni, nella panoramica degli editor per il fotoritocco, sebbene Photoshop sia uno degli strumenti più utilizzati, si è inserito il programma Gimp 2 che, essendo un programma open source, è accessibile a chiunque avendo, inoltre, le stesse funzionalità di Photoshop. Il suo logo, ormai divenuto famoso negli anni, è il grazioso coyote Wilber spesso raffigurato con un pennellino in bocca.

Requisiti necessari

Gimp 2 è un software multipiattaforma, caratteristica che lo rende accessibile per ogni sistema operativo e che lo porta, sicuramente, in un’ottica di buona funzionalità insieme alla possibilità di trovarlo in maniera completamente gratuita sul proprio sito: Gimpitalia.it.

Il programma è nato, in principio, per chi utilizzava il sistema Linux per il quale è e sempre sarà supportato prima di ogni altra piattaforma.

Poiché, tuttavia, il sistema operativo più diffuso è quello di Windows, Gimp 2 si è adattato per funzionare al meglio anche su questo genere di piattaforma sebbene, in questo momento, la versione di Gimp 2.6.6 sia quella meno adatta per Vista, Seven e XP.

Per i MacOs è necessario, prima dell’installazione di GIMP2, installare il programma X11 altrimenti il programma di fotoritocco non potrà mai funzionare.

Funzionalità del programma

Gimp 2 è un programma che supporta diversi formati tra i quali, i principali: bitmap, jpeg, gif, png e tiff e ogni immagine può essere diversamente lavorata con i vari strumenti che il software mette a disposizione.

Il programma dispone, ad esempio, di ben quarantotto pennelli ai quali se ne possono aggiungere degli altri per dare al nostro disegno, o alla nostra immagine, un contorno più morbido o più rigido.

Può, inoltre, creare delle selezioni circolari, rettangolari o a mano libera oppure selezionare solo una parte della nostra immagine grazie agli strumenti di selezione.

Possiede circa 150 effetti per dare alle nostre immagini o foto un tocco personale come, ad esempio, un’ombreggiatura particolare o renderla più chiara e scura per darle un tocco di antichità.

Gimp 2 e Photoshop: la comparazione tra i due editor

Gimp 2 è sicuramente l’alternativa migliore a Photoshop cominciando proprio dal fatto che è un programma open source e quindi gratuito, diversamente da Photoshop; quest’ultimo, mentre Gimp offre un’ottima compatibilità con alcuni plug-in di Photoshop, non è compatibile con l’open source.

Qualora si abbia entrambi i programmi, Gimp può leggere il formato di Photoshop, psd, ma non può accadere il contrario.

Il neo principale di Gimp, rispetto Photoshop, riguarda la gestione dei colori: il programma supporta solo lo spazio CMYK ma nessun altro tipo di colore.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017