Excite

Mark Zuckerberg, foto private trapelano da Facebook

Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.
Vittima del suo stesso operato, il profilo di Mark Zuckerberg mostra le sue foto private, i viaggi con la fidanzata e le feste con gli amici. Una della recenti nuove impostazioni di Facebook sulla privacy dei propri contenuti, ha da pochi giorni auto impostato i profili dei 350 milioni di utenti inetti, che non si sono subito accorti della nuova opzione, autorizzando la visione di contenuti privati a tutti i membri del social network. Lo stesso creatore è incappato nell'incidente. Fatalità o astuta strategia di marketing? Il dubbio rimane.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016