Excite

Gran Bretagna: Cameron contro siti come ”ask.fm” che ospitano i ”cyberbulli””

David Cameron promuove il boicottaggio contro i social network che ospitano i "cyberbulli" e le compagnie no profit si associano: ritirate le pubblicità dal sito "ask fm", sotto accusa dopo la morte di Hannan Smith, la 14enne inglese che si è tolta la vita dopo aver subito offese e abusi nei messaggi scambiati con utenti anonimi.

Fonte: Getty Images

"Chi gestisce questi siti – ha detto Cameron – deve agire e mostrare una certa responsabilità. Non è accettabile quello che può accadere su questi social network".

I miei figli potranno avere un profilo Facebook ma solo se riesco a controllarli, aveva aggiunto Cameron. Il caso di Hannah ha colpito lui e l’opinione pubblica nazionale.

I miei figli potranno avere un profilo Facebook ma solo se riesco a controllarli, aveva aggiunto Cameron. Il caso di Hannah ha colpito lui e l’opinione pubblica nazionale.

La giovane di Lutterworth aveva subìto i peggiori insulti sul social network e qualcuno le aveva addirittura detto "se muori nessuno se ne accorgerà". Lei lo ha preso alla lettera, impiccandosi.

Le parole del premier hanno avuto un effetto immediato: molte aziende e associazioni no profit hanno ritirato la loro pubblicita’ da "ask.fm". Dal gruppo telefonico Vodafone fino all’associazione "Save the Children": tutti a dire addio al social network.

Ask.fm, fondato nel 2010 dai fratelli Mark e Ilja Terebin e con base in Lettonia, ha tentato di reagire per evitare la fuga in massa dei suoi inserzionisti britannici e ha specificato che sta collaborando pienamente con l’inchiesta avviata dalla polizia del Leicestershire e che sta cercando di migliorare la sicurezza dei 60 milioni di iscritti in tutto il mondo.

Ask.fm, fondato nel 2010 dai fratelli Mark e Ilja Terebin e con base in Lettonia, ha tentato di reagire per evitare la fuga in massa dei suoi inserzionisti britannici e ha specificato che sta collaborando pienamente con l’inchiesta avviata dalla polizia del Leicestershire e che sta cercando di migliorare la sicurezza dei 60 milioni di iscritti in tutto il mondo.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017