Excite

Google Glass debuttano al Museo Egizio di Torino

Un avatar che con discrezione e competenza racconta la storia di Ramses II nella lingua dei segni.

Fonte: Getty Images

Ecco la guida virtuale GoogleGlass4Lis in fase di sperimentazione al Museo Egizio di Torino.

L'avatar compare in alto a destra nel rettangolo trasparente degli occhialini e in maniera discreta non invade il campo visivo.

L'avatar compare in alto a destra nel rettangolo trasparente degli occhialini e in maniera discreta non invade il campo visivo.

E per i non udenti si apre un nuovo mondo.

La piattaforma traduce automaticamente i contenuti in Lis (la lingua italiana dei segni) grazie all’androide che spiega il contenuto.

Google ha lanciato l’idea e Rokivo – una società americana fondata da un nucleo di professionisti italiani - è riuscita a svilupparla in sinergia con Vidiemme Consulting e l’Ente Nazionale Sordi.

Google ha lanciato l’idea e Rokivo – una società americana fondata da un nucleo di professionisti italiani - è riuscita a svilupparla in sinergia con Vidiemme Consulting e l’Ente Nazionale Sordi.

Il lavoro di ricerca coordinato dal Politecnico di Torino ha dato vita ad Atlas (Automatic Translation into Sign Language) che rappresenta la base di partenza per tante novità.

Le applicazioni sono potenzialmente infinite, dai dispositivi individuali (smartphone, computer, televisione) a quelli collettivi come Liss4All, che consentirà di tradurre gli annunci vocali negli spazi pubblici.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017