Excite

Google conferma: rimane homepage con scritta Palestina

Google non torna indietro e non cambierà la sua homepage in Palestina, riutilizzando la denominazione "Territori Palestinesi", come era in precedenza.

Fonte: Getty Images

Lo ha ribadito Charlie Hale, del colosso di Mountain Wiew, intervenendo alla Commissione Scienza e Tecnologia della Knesset, il parlamento israeliano, che si era riunita per discutere la vicenda.

''Nel prendere questa decisione non stiamo in nessun modo assumendo una posizione politica: non abbiamo nessun interesse ad essere gli arbitri del conflitto tra le due parti, cerchiamo solamente di applicare gli standard della nomenclatura internazionale'', ha detto Hale.

''Nel prendere questa decisione non stiamo in nessun modo assumendo una posizione politica: non abbiamo nessun interesse ad essere gli arbitri del conflitto tra le due parti, cerchiamo solamente di applicare gli standard della nomenclatura internazionale'', ha detto Hale.

Il mese scorso Google ha cambiato la dizione della pagina e attirandosi così le critiche da parte di Israele.

Il vice ministro degli esteri israeliano Zeev Elkin, in una lettera inviata a Larry Page, il co-proprietario di Google, aveva lamentato che la decisione del colosso americano avrebbe potuto influire sulle relazioni con l'Autorità nazionale palestinese (Anp) e aveva chiesto al motore di ricerca di riconsiderare la sua posizione.

Hale ha, invece, confermato la scelta e ribadito alla Knesset che la decisione sul cambiamento di nomi o sigle si è basata sulle indicazioni di assemblee come l'Onu, l'Associazione per l'Assegnamento dei Nomi e dei Numeri su Internet (Icann) e l'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (Ios).

Hale ha, invece, confermato la scelta e ribadito alla Knesset che la decisione sul cambiamento di nomi o sigle si è basata sulle indicazioni di assemblee come l'Onu, l'Associazione per l'Assegnamento dei Nomi e dei Numeri su Internet (Icann) e l'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (Ios).

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017