Excite

Flash Mob, quando lo scherzo è collettivo

Si chiama Flash Mob ed è un fenomeno che, al quarto anno di vita, continua a divertire chi decide di parteciparvi. Rilanciato in Italia dal film "Notte prima degli esami oggi", ha movimentato pochi giorni fa la Sicilia, nello specifico piazza Politeama di Palermo.

La definizione di flash mob viene da Wikipedia: "Con il termine flash mob (dall'inglese flash - breve esperienza e mob - moltitudine) si indica un gruppo di persone che si riunisce all'improvviso in uno spazio pubblico, mette in pratica un'azione insolita generalmente per un breve periodo di tempo per poi successivamente disperdersi". Tante sono state le azioni insolite a partire dalla prima, nel 2003 a New York. Invasioni di negozi e alberghi, balli sincronizzati (e silenziosi) nelle stazioni ferroviarie, cuscinate, gavettoni in piazza e tutto ciò che la fantasia umana può creare, questo è il Flash Mob.

Ma chi sono i flashmobbers, e perché lo fanno? "Per vivere alcuni secondi al di fuori della normalità, staccare dalla solita routine quotidiana, ritrovare per pochi momenti uno spirito di coesione e condivisione" dice Alba Francesca Fazio, una delle organizzatrici del primo flash mob a Palermo, che ha avuto luogo lo scorso 7 luglio. Sul web - complice l'indispensabile passaparola - viene stabilito giorno e orario esatto dell'azione, poi viene definito un segno distintivo per riconoscere i flashmobbers e ovviamente è indicata quale sarà la pazza azione che andrà fatta in contemporanea da tutti i partecipanti.

Nel caso di Palermo, l'azione prevista era una caduta a terra collettiva: "Per un attimo sembra non esistere più la temporalità - racconta l'organizzatrice - si è come sospesi, immobili in attesa di un segnale. Ed arriva: uno dei due tizi con il cappello di paglia (Alessandro) grida FLASH scattando una foto e il secondo (Marco) cade a terra [...] Subito il crollo a terra collettivo con una attenzione particolare alla fotocamera o al cellulare che si ha tra le mani. Passano 10 secondi: ci si rialza tutti. Finisce il 1° FLASH MOB palermitano. La folla, prima esplosa in un applauso, comincia a disperdersi" (ecco le foto dell'evento).

Non-sense, divertimento, voglia di scherzare: il flashmob è tutto questo, e nonostante abbia perso la forza mediatica dei primi tempi, almeno negli States, è ancora praticato in diverse parti del mondo. Uno dei flash mob più riusciti, con record di partecipanti, è quello del 4 aprile di quest'anno a Londra: 4000 persone si sono riunite alla stazione di Victoria, dove - cuffiette dell'iPod nelle orecchie - hanno iniziato a ballare scatenati, alle 18.53 in punto, tra la curiosità dei viaggiatori e pendolari presenti (guarda le foto). Il tutto per due ore, quando poi a fermare la danzante massa pacifica è intervenuta, addirittura, la Polizia.

7 luglio 2007, flash mob a Palermo

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016