Excite

Fibra ottica: decreto legge da sei miliardi al vaglio del Consiglio dei Ministri

  • Getty Images

Oggi è un giorno importante per il futuro a banda larga del nostro paese. Il governo di Matteo Renzi presenta un piano, a scadenza 2020, che se dovesse ottenere l'approvazione del Consiglio dei Ministri passerebbe al Parlamento e potrebbe diventare realtà entro breve tempo. Si tratta della mappatura completa dell'Italia, con la fibra ottica, entro cinque anni. Il 2020 appunto.

Il costo complessivo del decreto legge che verrà presentato questa sera è di circa sei miliardi di euro. E' un decreto di cruciale importanza per portare il settore delle telecomunicazioni ad un livello minimo richiesto dalla Comunità Europea. La banda larga è stata individuata come un settore cruciale per rilanciare la competitività delle aziende italiane.

Scopri perchè Google pagherà le tasse in Italia

Il governo sosterrà questo decreto proponendo, da un lato, sgravi fiscali per le aziende che sosterranno l'operazione e dall'altro dei finanziamenti a fondo perduto per quelle zone del paese che non produrranno ritorno economici evidenti per le aziende. In questo modo la banda larga sarebbe un affare per le aziende, per chi la costruisce e contemporaneamente servirebbe tutto il paese che allo stato attuale registra delle disparità piuttosto evidenti, in termini di servizio e velocità, tra una zona e l'altra della penisola.

Guarda i programmi di Telecom per la fibra ottica

Il punto attorno al quale si sono concentrate le maggiori polemiche è sicuramente il passaggio dall'attuale rete a rame a quella in fibra ottica. Si era vociferato di uno smantellamento completo entro il 2030, ma la notizia non è mai stata confermata, anzi, ed i mercati stessi non l'hanno ritenuta credibile.

Leggi le news sull'Hardware

E' probabile che la ventilata ipotesi di uno smantellamento della rete in rame sia stata soltanto una sorta di allarme per invogliare Telecom a trovare un accordo con gli altri attori che, attualmente, si sono dimostrati interessati al progetto. Si tratta, oltre Telecom, di Fastweb, Vodafone e Metroweb. L'imperativo per tutti è trovare una soluzione economicamente soddisfacente e soprattutto una soluzione veloce, nel servizio, e nei tempi di approvazione e realizzazione.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017