Excite

Falso professore su Wikipedia, è scandalo

Si sa, su Wikipedia tutti possono far valere le proprie conoscenze e i propri studi. Lo faceva anche l'utente Essjay, uno dei più importanti contributori dell'enciclopedia online, che si è dato da fare soprattutto per i lemmi sulla religione.

La sua autorevolezza era garantita dal profilo: laureato in teologia, professore di religione in un'Università privata, addirittura intervistato dal New Yorker. Un editor di spicco di Wikipedia, con centinaia di articoli inseriti, e punto di riferimento per parecchie discussioni in ambito religioso. Era tanto fidato che Jimmy Wales (fondatore di Wikipedia) l'aveva assunto per lavorare nel progetto Wikia.

Il New Yorker ha voluto approfondire la questione e qualche giorno fa ha contattato Essjay scoprendo la sua vera identità: Ryan Jordan, 24enne studente in un college del Kentucky. Le sue conoscenze in materia di religione? Frutto di studi personali e libri che aveva acquistato. La cosa ha suscitato parecchio scalpore all'interno della comunità di Wikipedia. Uno degli elementi di dubbio era che l'illustre professore aveva aggiornato un paio di volte la pagina relativa a Justin Timberlake!

Il fondatore dell'enciclopedia Jimmy Wales ha inizialmente dichiarato che l'uso di pseudonimi e false identità non è un problema, se l'utente dimostra di garantire dei contribuiti di qualità. In un secondo momento ha però spiegato di aver chiesto al ragazzo le dimissioni sia da Wikipedia, che da Wikia, cosa che è avvenuta il giorno dopo. "Si è scusato e ho accettato le sue scuse - ha detto Wales - perché è ed è sempre stato un eccezionale editor".

Come ne esce Wikipedia? Di certo, pensare di avere a che fare con un esperto professore mentre in realtà si tratta di un volenteroso studente, è una macchia che può pesare, anche per il futuro. D'altra parte, come lo stesso Wales ha detto, bisogna dar fiducia ai valori che sorreggono l'enciclopedia: fiducia e tolleranza.

Per maggiori informazioni sulla vicenda, vi consigliamo di leggere questo post di Adrian Monck e un articolo del New York Times.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016