Excite

Violate le pagine Facebook di Zuckerberg e Sarkozy

In queste ore si è diffusa sul Web una notizia che coinvolge la sicurezza di Facebook.

Non per niente in queste ore l'azienda ha pubblicato sul blog ufficiale un post che riguarda la privacy e la sicurezza dei dati degli utenti sul social network.

Tutto nasce da una pagina fan che molti ritengono ufficiale di Mark Zuckerberg dove compare un messaggio che raccoglie mi piace e commenti.

Il messaggio di stato recitava: 'Che l'hacking abbia inizio: Se Facebook ha bisogno di soldi, invece di andare dalle banche, perché non permette ai suoi utenti di investirvi in modo sociale? Perché non trasformare Facebook in un social business, nel modo in cui lo ha descritto il vincitore del premio Nobel Muhammed Yunus? Che ne pensate?'

Così l'hanno tradotto Repubblica e molti altri siti web e blog che lo hanno definito come il messaggio rivoluzionario di un hacker che ha bucato i sistemi di Facebook introducendosi nella pagina dedicata a Zuckerberg.

L'hacker ha lasciato l'hashtag #hackercup2011 relativo alla competizione Hackercup lanciata da Facebook per scovare i migliori talenti dell'informatica.

Il Guardian si interroga sul misterioso informatico che si è firmato con hackercup11 e indaga sulla voce di Wikipedia 'social business'.

Facebook ha dichiarato di aver risolto il bug che permetteva mediante una falla di pubblicare status nelle pagine di Facebook da utenti non autorizzati come amministratori. Il mistero s'infittisce?

Alcuni blogger su Friendfeed hanno pesantemente criticato l'articolo di Repubblica ad esempio mentre la società esperta di sicurezza Sophos ha precisato in un post quanto accaduto.

Anche la pagina ufficiale del premier Nicolas Sarkozy è stata colpita nei giorni scorsi, un hacker si è introdotto ed ha pubblicato un messaggio ovviamente fasullo: 'Cari compatrioti, date le eccezionali circostanze che la nostra nazione sta vivendo, ho deciso in spirito e coscienza di non ricandidarmi alla fine del mio mandato nel 2012.'

Mark Zuckerberg hackerato su Facebook

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016